Bicchieri, come scegliere quello giusto

In bicchieri, Casa, giardino e fai da te, Senza categoria by AlessandroLascia un commento

Bicchieri, di tutti i tipi, per tutti i gusti: dagli indispensabili a quelli più ricercati, il dilemma è sempre lo stesso. Come scegliere il bicchiere giusto!

I bicchieri sono una delle componenti più importanti nei servizi da cucina, scopriamo come scegliere quello giusto. I bicchieri sono di solito i pezzi più fragili in cucina. Quelli che si rompono con più facilità, ma anche tra i più usati. Ma quale formato di bicchieri è meglio scegliere? Cosa preferire, per avere a disposizione un recipiente sempre ergonomico e funzionale, anche per i più piccoli? E poi, meglio preferire il vetro, il cristallo o la plastica?

bicchieri

Bormioli Rocco – Rock Bar Lounge 27 cl. In vendita a partire da € 8,90

Bicchieri per uso quotidiano: gli indispensabili

Per chi è in cerca di bicchieri quotidiani, indispensabili e di largo utilizzo, il formato migliore è sicuramente a tronco di cono. Di un’altezza media che va tra i 15 e i 18 cm. I bicchieri a tronco di cono possono anche essere in plastica dura. In questo caso sarà meglio sceglierli di diversi colori, per rallegrare l’ambiente e dare a ciascuno dei membri della famiglia un colore personalizzato. Evitando allo stesso tempo l’effetto “ospedale” dei bicchieri tutti bianchi!

bicchieri come scegliere quello giusto

Zeno Azzurro – Confezione 6 Bicchieri Acqua Cl. 26. In vendita a partire da € 11,64

Oppure possono essere, più tradizionalmente, in vetro. In questo caso vi suggeriamo di scegliere un formato che non abbia un fondo troppo spesso e una superficie troppo lavorata. Specie se avete bambini molto piccoli, la pesantezza di un bicchiere con doppio fondo e una superficie cesellata, difficile da afferrare, potrebbe costituire un pericolo per i vostri bimbi. Inoltre, un bicchiere quotidiano dalle fogge troppo importanti non rispecchierebbe la funzionalità e la velocità dei pasti di tutti i giorni. Insomma non sarebbe un buon abbinamento con i servizi di piatti e posate più sobri che si usano nel quotidiano.

Bicchieri da vino: vino bianco o rosso?

I bicchieri da vino, invece, sono un capitolo a parte, al quale è bene dedicarsi con maggiore attenzione. A meno di non essere una famiglia di astemi, è sempre opportuno avere un servizio almeno da 6 pezzi di bicchieri da vino. Ma qui iniziano i dubbi. Che differenza e come devono essere i bicchieri da vino bianco e quelli da vino rosso? Intendiamoci, potremmo star qui a parlare per giorni interi, tante sono le differenze ed i modelli. Questo post vuole essere una rapida introduzione all’argomento, quindi, per sommi capi, procediamo!

bicchieri come scegliere quello giusto

Bormioli Rocco Galileo Calice, Vini Bianchi Aromat. In vendita a partire da € 10,00

Per quanto riguarda i bicchieri da vino bianco, il cristallo è molto indicato. Ma anche un vetro di buona qualità va bene per questo tipo di bicchiere. Lo stelo dovrà essere di almeno 15 centimetri. Non troppo sottile per evitare rotture e per consentire ai commensali una presa perfetta. Oltre che per non dare un’idea di estrema formalità, mai adatta ad una cena in casa. La coppa sarà alta e non troppo stretta, che si allarga sul lato (ma non troppo) per poi restringersi verso l’alto, con una forma vagamente romboidale. Badate bene che l’apertura in cima sia abbastanza stretta, non oltre il diametro di 5-6 cm.

I bicchieri da vino rosso, al contrario, hanno uno stelo più basso e una coppa molto più panciuta e tarchiata. Con una grande apertura di bevuta che permette ai rossi di ossigenarsi meglio. Anche qui, scegliete un vetro di qualità e uno stelo non tarchiato ma nemmeno invisibile. Badate che la base non sia sproporzionata rispetto alla coppa, per evitare rovesciamenti.

bicchieri come scegliere quello giusto

Bicchieri da vino rosso Burgunder Stölzle Lausitz Q1, 700ml, set da 4, bicchieri soffiati a mano. In vendita a partire da € 106,40

Tutti i bicchieri di questo tipo vanno lavati con una cura particolare, e possibilmente lasciati asciugare naturalmente. Una volta asciutti, provvedete alla lucidatura con un panno morbido asciutto, per evitare che rimangano aloni e per preservare la brillantezza del vetro.

Bicchieri, di tutti i tipi, per tutti i gusti: dagli indispensabili a quelli più ricercati

Abbiamo parlato fin’ora di bicchieri più o meno basici, che sono presenti nella stragrande maggioranza delle case. Che dire, invece, dei bicchieri ricercati e particolari, per i veri intenditori di alcuni tipi di bevute?

A questo proposito, gli amanti dei liquori invecchiati come il rum o il cognac vorranno un bicchiere apposito per sorseggiare la propria dose quotidiana di liquore. Soprattutto in inverno, magari davanti al camino.

Per il rum, il bicchiere sarà simile a quello per il vino rosso. Ma con uno stelo cortissimo e una base molto stretta. Per contro, la coppa sarà ancora più tondeggiante e avvolgente. Per coccolare il liquore e non fargli perdere il suo aroma. In questo caso sarà meglio, invece, dotarsi di un cristallo di qualità più ricercata.

bicchieri come scegliere quello giusto

Rcr Set 2 Calici Invino Grande 57 Cl Crystal Glass. In vendita a partire da € 8,00

Ancor più particolari sono i bicchieri da cognac, anche detti “bicchieri diamante”. Questi non possiedono per nulla lo stelo e hanno un fondo della coppa prismatico come un diamante. Con un piccolo supporto per farli stare in piedi inclinati di circa 45°. Questa forma è studiata per far riposare il cognac, che ha bisogno di calma e stasi prima di essere bevuto. Soprattutto se proviene da un “trauma” come il versamento dalla bottiglia al calice.

bicchieri come scegliere quello giusto

Thumbs Up DIAGLS Set da 2 di Bicchieri a Forma di Diamante. In vendita a partire da € 24,99

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine SHOPPING - Mondo Shopping attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Bicchieri, come scegliere quello giusto ultima modifica: 2016-08-22T16:58:14+00:00 da Alessandro
The following two tabs change content below.
Curioso, curioso, curioso, iperattivo. Disponibile al confronto solo con esseri "pensanti", con chi è pronto a mettersi in gioco, disponibile a rivedere le proprie "certezze", con chi non si rifugia dietro un "Si è sempre fatto così...". Pregi? La curiosità. Difetti? La curiosità. "Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso." (Albert Einstein)
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento